Categorie

Tag Cloud

Cameretta feng-shui per il benessere del bambino

Tempo fa, in una delle chat di quandonasceunamamma, parlavamo dell’orientamento del letto nella camera del bambino.
Una mamma mi chiedeva: “Ma come faccio a capire se il lettino è orientato male?”
La mia risposta fu: “Ti capita spesso di trovare il bambino girato dalla parte sbagliata del letto, mentre dorme, ed in particolare sempre dallo stesso lato?”
Ecco, dal ricordo di questa considerazione, dovuta ad una mia infarinatura di feng-shui, parte il post odierno. Ringrazio Silvia, che mi ha recentemente ricordato di non averne mai parlato espressamente. Lo faccio ora.
Il Feng-shui, antica arte cinese che studia i flussi energetici dello spazio che ci circonda, è una fonte interessantissima per lo studio dell’abitazione (ma anche di altri ambienti). Questo è tanto più vero per la cameretta del bambino, ancora in crescita e dunque sensibilissimo alle vibrazioni energetiche dell’ambiente che lo circonda.
Qui di seguito, per sommi capi, ecco i consigli essenziali per una cameretta feng-shui:
 

1. Ubicazione della stanza sencondo il feng-shui

Sceglila in una zona appartata dell’abitazione, per favorire il senso di sicurezza, intimità ed appartenenza, possibilmente a est, e principalmente con le finestre ad est, per sfruttare l’energia armoniosa del sole nascente.

2. Posizione ed orientamento del lettino

Il letto, per una corretta circolazione dell’energia, deve essere il più lontano possibile dalla porta d’ingresso alla stanza e soprattutto non sotto ad una finestra. Lo spazio intorno al letto deve essere libero, in modo da permettere la circolazione del Ch’i, e soprattutto deve essere vuoto lo spazio sottostante, poiché durante la notte le energie si scaricano a terra, e se trovano qualche ostacolo questo potrebbe trasformarsi in malessere.
Quanto all’orientamento, la personalità del bambino può darvi indicazioni corrette sulle sue necessità; una volta analizzate quelle, potrete agire seguendo questo schema di massima:
  • Testa a nord: favorisce la tranquillità e può essere utile contro l’insonnia, ma se il bambino è fin troppo quieto potrebbe non andare bene
  • Testa a nord-est: punto cardinale dall’energia vibrante, potrebbe non consentire di dormire bene, e il bimbo potrebbe avere incubi notturni
  • Testa a est: è la posizione ideale per il bambino, dal momento che è fonte di energia dinamica e in divenire; favorisce la crescita e la positività; utile se il bambino è un po’ insicuro, perché infonde fiducia
  • Testa a sud-est:  orientamento che aumenta la creatività e la socialità; può favorire la crescita ed una vita attiva, ma non tanto quanto l’orientamento ad est
  • Testa a sud: questo orientamento ha un’energia potente e calda, che non induce il sonno profondo; potrebbe portare a iperattività in bambini predisposti
  • Testa a sud-ovest: aumenta il senso di cautela e di attenzione nel bambino; utile per aumentare la concentrazione in bimbi che si distraggono facilmente
  • Testa a ovest: posizione capace di indurre un sonno tranquillo e un’atmosfera gaia, ma può anche portare a pigrizia, apatia e scarsa motivazione
  • Testa a nord-ovest: puo aiutare il sonno del bambino, ma è una posizione più consigliata per gli adulti perché stimola l’autorità

 

3. Colori

È consigliabile scegliere un colore dal tono rilassante, generalmente più vicino al blu/verde.
  • per i nati in primavera-estate: consigliati il bianco, crema e azzurro (che inducono sensazioni di calma e tranquillità)
  • per i nati in autunno-inverno: consigliati il verde, rosa, giallo (che danno una sensazione di calda intimità)
Da evitare assolutamente il rosso acceso, che è un colore attivatore e potrebbe generare nervosismo.

Se usi carta da parati, sceglila con immagini non troppo forti, troppo colorate o sovrammesse.

4. Illuminazione

L’illuminazione dovrebbe essere simile a quella del sole durante il giorno, soffusa e delicata la sera. A questo scopo puoi utilizzare due espedienti (anche in contemporanea):

  • utilizzare un modulatore d’intensità (dimmer
  • sfruttare una doppia illuminazione: diffusa, per lo svolgimento delle attività diurne (gioco e studio), con una luce a soffitto; calda e puntuale,  per favorire il riposo anche quando i bambini hanno paura del buio, attraverso diversi corpi illuminanti a parete, a terra, o piccoli abat-jour (meglio se di forma arrotondata)

Cerca il giusto grado di illuminazione per ogni momento della giornata ed ogni tipo di attività: tieni presente che la luce forte à stimolante, quella soffusa rilassante.
È consigliato, per la cameretta, l’uso di una lampada in cristallo di sale, in grado di ionizzare e purificare l’ambiente ed emanare una luce calda e rilassante: influirà positivamente anche sullo stato emotivo e spirituale del bimbo.

Lampada di sale. In vendita su lampadedisale.com.


5. Ordine

Secondo il Feng-Shui una cameretta caotica e disordinata può avere un effetto negativo sul comportamento del bambino: l’energia dell’ambiente può risultare pesante, distrarre il piccolo, diminuire il livello di concentrazione durante un’attività e quindi influire anche sul rendimento scolastico e sul sonno.
È importante, quindi, riporre i giochi, alla sera, in un armadio o altro contenitore, in modo che non siano in vista.

6. Materiali

Il materiale migliore da utilizzare per la cameretta è il legno, sia per la finitura del pavimento, sia per gli arredi, che dovrebbero avere preferibilmente forme morbide e arrotondate, con gli angoli smussati, e in colori chiari con superfici poco riflettenti. Il legno non altera il nostro campo elettromagnetico e ci consente di dormire serenamente, e dunque è il materiale migliore anche per il lettino. Sono sconsigliati invece i letti in metallo, conduttori di energia: questa rimbalzerà sul metallo e tornerà indietro, invece di essere scaricata a terra.
Un pavimento in legno naturale consente all’energia di fluire, riducendo la stagnazione e favorendone il ricambio, mentre la sua calda superficie offre un effetto equilibrante al bimbo, evitando l’accumulo di cariche elettrostatiche che potrebbero generargli nervosismi e ansia. 
Il legno, inoltre, ha la proprietà di assorbire lumidità presente nella stanza, quindi migliora la salubrità dell’aria, purificandola.

Questi consigli, assieme a quelli che ho dato in questo blog quando ho parlato di comfort nella stanza del bambino,  ti aiuteranno a trovare soluzioni adeguate per gli spazi di riposo dei tuoi figli.

Se ti è piaciuto condividi:
20 Comments
  • Before and After

    29 gennaio 2013 at 9:39 Rispondi

    Che interessante!grazie! lo condivido subito sulla mia pagina FB! il Feng shui ha molto da dare agli interior designers di oggi, soprattutto dal punto di vista del buon senso!
    Ciao ciao! Cinzia

  • Federica MammaMoglieDonna

    29 gennaio 2013 at 11:57 Rispondi

    Bellissimo questo articolo!!
    Edo ha la testa a Est, favorisce la crescita e la positivita’… vero! Lui è un bimbo molto solare e sicuro di sè!
    Filippo ha la testa a sud-est creativita’ e la socialita ed è un bambino davvero socievole e pieno di inventiva!!
    I nostri colori sono il verde e il giallo, che a quanto pare vanno bene per Edo(novembre).
    Ordine c’è. Nella loro stanza da letto c’è solo la libreria, al massimo c’è qualche libro sparso.
    Materiali e illuminazione OK.
    Ma che bravi siamo stati!!!

    • Mammadesign

      29 gennaio 2013 at 13:36 Rispondi

      A volte abbiamo delle “sensazioni”, sull’uso che dovremmo fare dello spazio di casa nostra. Basta mettersi in un punto della casa e ascoltare.
      Probabilmente avete avuto le intuizioni giuste, e soprattutto, le avete seguite! Bravi davvero!

  • ...ma la notte no!

    29 gennaio 2013 at 13:00 Rispondi

    insomma… ho fatto un disastro!

  • mami

    29 gennaio 2013 at 14:45 Rispondi

    interessante…testata a nord-ovest…devo cambiargli posizione! Questa sera bussola alla mano decidiamo!

  • marialuisa scerbo

    29 gennaio 2013 at 16:18 Rispondi

    post molto interessante,e anche il tuo blog complimenti

  • Simona

    6 marzo 2013 at 12:55 Rispondi

    Post molto interessante Dalia!
    Un piccolo appunto però, in realtà il posizionamento della testata del letto è più complesso e dipende dal proprio numero Gua ed è molto personale. A presto!

    • Simona

      6 marzo 2013 at 13:08 Rispondi

      p.s. la lampada di sale è fantastica e davvero consigliata!

    • Mammadesign

      6 marzo 2013 at 20:02 Rispondi

      Grazie Simona!
      Si, lo so, infatti ho detto che occorre partire dalla personalita’ del bambino e che si tratta di uno schema di massima. Il feng-shui e’ una disciplina molto complessa, che parte dall’abitante e dal suo GUA, solo che e’ estremamente difficile riassumere in un post divulgativo l’essenza di una disciplina! 😀 (ed io oltretutto non sono specializzata propriamente in feng-shui)
      Se credi puoi aggiungere un’approfondimento qua sotto, o possiamo pensare ad un guest-post per spiegare meglio il tutto! Ciao, e grazie!

    • Simona

      8 marzo 2013 at 15:35 Rispondi

      Grazie Dalia
      Come dici è una materia molto complessa e molto legata all’individuo ed alle energie sprigionate dall’ambiente.
      Ti consiglio un bellissimo testo: “Feng Shui. L’arte di vivere in armonia con l’ambiente” di Lillian Too (una vera guru!!). E’ davvero una piccola Bibbia, tra l’altro scritto in modo molto semplice ed immediato, quindi non solo per noi architetti! Ciao e a Presto!

    • Mammadesign

      12 marzo 2013 at 0:27 Rispondi

      Grazie del consiglio Simona!

  • erica-semplicementeoggi

    15 febbraio 2014 at 17:37 Rispondi

    Ecco ora appena arriva il papà gli farò riorganizzare tutto. mi ammazza di sicuro! 😀

  • Matteo

    4 maggio 2017 at 15:42 Rispondi

    Benchè l’articolo sia di qualche anno fa i consigli sono sempre ampiamente validi. Gran bell’articolo. Per una bella lampada di sale vi invitiamo anche a venirci a trovare sul nostro sito http://www.lampadedisaleonline.it

  • eleonora

    23 gennaio 2018 at 15:04 Rispondi

    Molto interessante! Grazie. Ci siamo quasi su tutto….. Solo una domanda… nel caso avessimo la necessità di optare per un letto a castello!? Non dobbiamo considerarlo dato che si dice che la parte sottostante al letto deve essere libera per le energie che si scaricano?

    • Dalia

      2 febbraio 2018 at 13:13 Rispondi

      Ciao Eleonora,
      in realtà il bambino percepisce diversamente l’energia degli spazi rispetto a noi adulti, quindi il letto a castello va benissimo perché contribuisce a dargli quel senso di protezione di cui necessita oppure lo fa sentire importante ed audace nel caso in cui dorma sopra. L’importante, per il letto a castello, è la posizione: non nella direzione delle aperture ma un po’ “defilato”, in modo da non trovarsi in prossimità degli scontri dei flussi.

Post a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.