Categorie

Tag Cloud

Il mio rapporto con la tecnologia e i nuovi nativi digitali

Mio marito ha un iPhone, io un vecchio Nokia acquistato nel 2006.
Pensavo alle belle foto che si e’ in grado di fare con Instagram e alla possibilita’ di scattare ovunque e trasferire sui social network in tempo reale. Un sogno!
Sono un’amante della fotografia da sempre, ma qualcosa sta cambiando  con l’uso del digitale. Ora molti sono in grado di fare foto veramente belle ed emozionanti grazie all’uso dei filtri di Instagram. Ed io, invece, che scatto, torno a casa, scarico le foto sul pc (quando ho tempo), magari le elaboro o le correggo lievemente per renderle ancora piu’ accativanti. 
Insomma, un lavoraccio!
Il tutto, spesso, per postare soltanto su Facebook, twitter o sul blog.
La discussione che ha preso corpo oggi  nel gruppo Professione blogger in proposito mi ha fatto pensare molto. Sono una blogger poco tecnologica, forse anche improvvisata. Ho toccato un computer per la prima volta nel ’96, mentre studiavo in Erasmus a Parigi. Prima di allora non sapevo nemmeno usare word; non riuscivo nemmeno ad accendere un pc senza l’aiuto di qualcuno! Di li’ e’ iniziata l’avventura. Tornata a Firenze, in una facolta’ (architettura) ancora votata all’uso delle chine, della matita e degli spolveri, continuavamo ad usare riga e squadra, o il tecnigrafo, almeno quei pochi che avevano la fortuna di avere lo spazio in casa o un luogo alternativo dove tenerlo. Ho fatto un corso di autocad (che fino a quel momento era arabo, per me) all’istituto informatico di ateneo: 2d, 3d, rendering. Pagando. Con i soldi guadagnati con le ripetizioni che davo ai bambini: non esistevano ancora i corsi gratuiti organizzati dalla facolta’.
Poi, ho iniziato a lavorare, ho scritto la tesi ed iniziato in questo mondo sconosciuto. Pochi anni dopo mi sono ritrovata dall’altra parte della cattedra, a fare l’assistente all’universita’. E i miei studenti sapevano fare delle cose che io nemmeno mi sognavo.



No, decisamente non sono una nativa digitale.
Ci sono arrivata piano piano, con un po’ di tanta fatica.
Ed oggi ho un blog. Su blogger, eh, mica roba trascendentale.
Continuo a conoscere nuovi programmi e nuove piattaforme.
Da windows sono passata al Mac.
E ora mio marito mi fa invidia con il suo iPhone di ultima generazione!
Non perche’ e’ una moda, macche’. Per le possibilita’ che da’, la velocita’ di applicazione, l’immediatezza d’uso. Sto diventando digital addicted.
Bisogna che passi ad uno smartphone, questa e’ stata la conclusione odierna.
Ah, gia’… ma c’e’ mia figlia. 
Lei con il mio cellulare ci conversa tutto il giorno, se lo trova in giro per casa. Telefona alla nonna a Firenze, alla cuginetta, parla con Max and Ruby, con la Peppa Pig, con Cicciobello e con i suoi animali di peluche che stanno a due passi da lei. Qualcuno mi ha proposto la soluzione: “dalle il tuo vecchio cellulare e tu prenditene uno nuovo”. Un po’ costosa, per la verita’, come soluzione.
Nel frattempo, per caso, girellando in rete, ho trovato questo:


Lo trovate su Etsy, su Princesses Engraving.
Un finto cellulare in acero canadese (in realta’ un massaggia-gengive), con una finitura in cera d’api, non profumata e non tossica, che potete personalizzare con il nome del vostro bimbo. O della mamma, piu’ probabilmente, nel mio caso. Perche’ mia figlia, a 4 anni, ormai, non cascherebbe piu’ nel tranello: pretenderebbe il mio nuovo smartphone per poter spippolare a suo piacimento e sentire il suono dei click e dei bip sul vero touchscreen. 
Loro si, che sono nativi digitali.


Foto: Princesses Engraving, su Etsy
Se ti è piaciuto condividi:
8 Comments
  • Avatar

    gioix77

    20 Giugno 2012 at 0:01 Rispondi

    …però quanto belli sono i disegni tecnici fatti a mano??? Io sono perito edile e a scuola ancora il computer non c’era…è vero si facevano notti in bianco per finire i lucidi attaccare i retini per le ombre…ma erano più umani…più sudati…poi sono arrivato Autocad, Allplan e tutti quei programmi…veloci, tagli copia incolla…ma meno personali..secondo me!!

    • Avatar

      Mammadesign

      20 Giugno 2012 at 0:17 Rispondi

      Assolutamente d’accordo, Gioix77: il profumo della china e le mani impiastricciate di colori mi hanno accompagnato per anni! Pero’ che menata quando sbagliavi e dovevi correggere…! Quanto tempo perso! Cosi’ e’ molto piu’ rapido, sicuramente.

  • Avatar

    Mammachetesta

    20 Giugno 2012 at 6:45 Rispondi

    Io ho avuto il primo pc (un commodore 64! ommamma se sono vecchia!) a 8 anni. Mio padre mi isnegnava a programmare in basic.
    Poi il Pascal, word ed excel al liceo e all’università internet, mail, ecc… che allora era altavista, navigator, hotmail, yahoo e morta lì.
    Da sempre sono una nativa digitale, e mia figlia è come me (il padre è -5.0 invece).
    Io ho l’iPhone e lei ci guarda i cartoni (così si seleziona…niente winx e consimili!) o ci fa i giochi in inglese e sugli animali.
    MA compratelo lo smartphone! Ci metti una bella custodia antiurto e via! Due donne felici!

    • Avatar

      Mammadesign

      20 Giugno 2012 at 10:21 Rispondi

      No, il commodor 64! Che ricordi! Ne sentivo parlare in giro! Ma allora non era ancora entrato in tutte le case come oggi… Sei stata fortunata!
      Seguiro’ il tuo , consiglio, prima o poi….!

  • Avatar

    mammadifretta

    20 Giugno 2012 at 7:30 Rispondi

    concordo con mammache testa :), mia figlia gioca sia col galaxy di mio marito che col mio nokia, ha poi anche il tablet personale(low cost). non lo romperà, anzi non avrai bisogno del libretto di istruzioni 🙂

    • Avatar

      Mammadesign

      20 Giugno 2012 at 10:17 Rispondi

      Vero. Sull’iPad gia’ viaggia che e’ una meraviglia! E poi ci sono delle app educative interessanti!
      Certo, non possono sostituire l’insegnamento umano, ma possono introdurre alla scrittura e ai numeri in Manila divertente!

  • Avatar

    Smile1510

    20 Giugno 2012 at 22:06 Rispondi

    Anch’io sono poco tecnologica! ho il mio I-phone da una settimana (arrivavo da un Nokia prestatomi da mio fratello perchè i miei due cell precedenti avevano avuto una fine poco piacevole…) e ho la sensazione d’essermi persa qualcosa… prima su FB c’entravo pochissimo, il tempo davanti al pc è sempre risicato e devo dare priorità ad altre cose. ora con l’i-phone anche se ho due minuti vi accedo leggo e spengo.
    in più ho capit che il blog è solo la punta dell’iceberg di un cerchio che continua su FB, Instagram, Twitter e appunto mi sembra d’esservi fuori…
    vabbè, tanto per dire che non sei l’unica!
    io ho preso l’I-phone con un contratto e pago pochissimo al mese, non c’è anche lì questa possibilità?

    ciao!

    🙂

    • Avatar

      Mammadesign

      21 Giugno 2012 at 0:29 Rispondi

      Ma ciao Smile!
      Si si, c’e’ la possibilita’. Infatti faro’ cosi probabilmente.
      E’ vero pero’, anche io ho scoperto ultimamente che il blog e’ solo una parte. Cioe’, io continuo a pensare che sia il centro, ma i social fanno parecchio….!
      Buonanotte!

Post a Comment

+ 21 = 30