Categorie

Tag Cloud

Giochi di parole

Micro ha un febbrone da cavallo….. virus invernale, si direbbe.
Oggi Mammadesign e’ riuscita a toglierle il ciuccio soltanto alle 6.00 pm, ovvero quando ha iniziato a calarle la febbre grazie alla bomba di medicinali somministrati….
All’ora di dormire pero’, stasera, inevitabilmente, si e’ diretta verso la cucina urlando: 
– Ciuccio! Ciuccio-bello! –
Comincia a fare i giochi di parole, la piccola: la novita’ del ciuccio-bello e’ dovuta ad uno dei suoi regali di Natale, il vecchio Cicciobello della sua mamma, recuperato da una scatola della soffitta di nonna G. e mantenutosi incredibilmente in forma (opportunamente rivestito, naturalmente). Dal Cicciobello al ciuccio-bello il passo e’ breve…..!
L’altra buffissima associazione riguarda un personaggio dei cartoni animati, Moomintroll. Noi in realta’ a casa abbiamo soltanto un libro, pero’ la cucciola in una vena di ironia da apprendimento della lingua ha deciso di chiamarmi Mamma-troll! 
Cosi’, Micro-troll, Mamma-troll e Papa’-troll sono diventati i personaggi di una nuova saga familiare….

Se ti è piaciuto condividi:
5 Comments
  • Avatar

    Mamma Papera

    20 Gennaio 2011at1:32 Rispondi

    troppo bellaaaa ^^
    un baciottooooo

  • Avatar

    madamadorè

    20 Gennaio 2011at11:43 Rispondi

    non è che tra qualche anno ce la troviamo al posto di Bartezzaghi sulla settimana enigmistica? 🙂

  • Avatar

    Mammadesign

    20 Gennaio 2011at14:27 Rispondi

    :DDDDD
    In effetti, la settimana enigmistica e’ sempre stata una passione di famiglia…. Dite che potrebbe andar bene per insegnarle un corretto italiano? 😉

  • Avatar

    Micaela

    26 Gennaio 2011at17:00 Rispondi

    Ecco… sono giunta alla fine della saga del ciuccio… sono l’ultima in materia adatta per poter dare consigli, ma, come hanno detto a me, ti dico:
    – bisogna aspettare che la bimba si ristabilisca del tutto, giusto per non andare ad aggravare un nervosismo ed un malessere già esistenti
    – non bisogna continuare a dirle che è grande… potrebbe innescare un processo inverso…
    – deve sembrare una “sua” decisione e non una vostra imposizione…
    Da quest’ultimo punto sono partita io… e mi sono inventata la storiella della fata che le ha mordicchiato il ciuccio, restituendoglielo mezzo rotto… alla vista del suo tanto amato ciuccio mezzo mutilato lei non l’ha voluto più, anche perchè io le facevo una faccia parecchio schifata…
    Devi inventarti una favola… un gioco… qualcosa che la convinca… e alla fine che sia lei a dire: “No, ciuccio no!”…
    Ecco…

    Ma è dura mantenere il punto eh… è durissima!!!

  • Avatar

    Mammadesign

    26 Gennaio 2011at18:18 Rispondi

    Grazie per il consiglio!
    o faro’ leggere anche a macro….! 😉

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.