Categorie

Tag Cloud

Sul mio essere mamma

Mi accorgo adesso di non aver mai parlato, se non indirettamente, della mia esperienza di mamma e di come ho vissuto la mammita’…. (ora si dice cosi’, no?). L’italiano corretto vorrebbe che si dicesse maternita’, ma siccome la parola sembra ormai indicare soltanto il periodo lungo ed emotivamente intenso della gravidanza, e’ entrata nel gergo questa nuova, coloratissima parola che ritengo piu’ consona ad indicare “cio’ che viene dopo” (dopo la nascita, intendo!).

Che mamma sono?
Mi ha costretto Mammamogliedonna a pensarci, con il suo giveaway per la festa della mamma.
Sarebbe piu’ giusto fare la domanda alla mia piccola Micro, ma poiche’ ancora lei non ha diritto di parola, mi limito a raccontare come ho vissuto questa meravigliosa, sconvolgente, ed esaltante esperienza. E come mi vedo e mi sento io, adesso, da mamma di una cucciola di quasi tre anni.

Mi sento diversa. 
Mi sento un’altra.
Mi sento una donna.
E mi sento una mamma (inevitabile, no?). 
Una donna in continua trasformazione e una mamma che cresce assieme alla sua piccola.







Tralascio qui la trafila della conoscenza con il Macro-economista, della gravidanza flash e della nascita della cucciola. Tutto troppo lungo. E fuori tema. 
La cosa veramente importante e’ che, assieme a Micro, e’ nata una donna. Cioe’, e’ nata un mamma, per la verita’. 
Una mamma che non si e’ sentita donna finche’ non ha avuto la Micro-figlia. Finche’ non l’ha stretta tra le braccia. 
Finche’ non l’ha guardata negli occhi. 
Finche’ non ha dovuto affrontare le mille difficolta’ legate alla gestione di qualcuno che dipende completamente ed assolutamente da te. 
Che non sa camminare. 
Che non sa parlare. 
Qualcuno che non sa dire “ho fame”, “ho sonno”, o “mi fa male il pancino”. Qualcuno che non sa nemmeno tenere la testa dritta sulle spalle!
E che devi aiutare a crescere, a diventare sano, robusto, intelligente e sicuro quanto basta per affrontare il mondo la’ fuori. 
Si, fuori dal liquido amniotico, ovattato, avvolgente, e tranquillo. 
Fuori dalla tua pancia. 
Senza il nutrimento del cordone ombelicale e di tutte quelle sostanze che ruba dal tuo corpo  durante quei nove, lunghi mesi di gestazione.


Essere mamma mi ha formato come donna.


Ho imparato a nutrire (fisicamente e psicologicamente).
Ho imparato a prestare piu’ attenzione (a lei, a tutti).
Ho imparato ad essere paziente.
Ho imparato a lasciar stare (tante cose, e quante sono in fondo prive di importanza!)
Ho imparato quanto un gesto improvviso o un urlo uscito per caso dalla bocca di una mamma troppo stanca possa spaventare un bambino.
Ho imparato quanto una reazione troppo emotiva possa renderlo vulnerabile.
Ho imparato a controllarmi.
Ho imparato a guardarmi dentro senza avere paura.
Ho imparato a criticarmi imparzialmente.
Ho imparato a crescere, con lei.
Ho imparato a guarire in meno di 24 ore quando sono malata.
Anzi, ho imparato cosa significa essere malati ed avere comunque delle incombenze non prorogabili.
Ho imparato cos’e’ la stanchezza (vera!).
Ho imparato ad essere insostituibile, sempre.
Ho imparato che quando un bimbo piange ha le sue buone ragioni.
Ho imparato ad ascoltare.
Ho imparato a lasciar parlare (anche se, spesso, non si capisce una mazza di quello che dice!).
Ho imparato ad interpretare.
Ho imparato cosa significa affrontare da soli tutto questo.
Forse, realmente, a camminare sulle mie gambe (i padri, a volte, sono un po’ assenti, soprattutto all’inizio).
Ho imparato che cos’e’ il baby blues, o la depressione post partum, chiamatela come volete.
Ho imparato a crescere come madre, moglie, donna e come famiglia.
Ho imparato ad essere una compagna per il mio uomo.
Ho imparato che essere in tre e’ meglio che essere coppia!
Ho anche imparato a ridere (perche’ i bimbi sono troppo buffi!).


Ed ho imparato l’Amore.


Quando ti guardo negli occhi, 
mio piccolo raggio di sole
che corri per casa
a piccoli passi 
col pannolino cadente, 
scherzando, 
ridendo 
e cantando,
capisco che al mondo
non avrei potuto essere 
altro
che tua madre.


Che mamma sono, dunque?
Una mamma innamorata.
Innamorata di lei (la figlia), di lui (il marito), e della Vita, che e’ nata insieme a lei. 


Per il resto, non saprei.
Forse una mamma un po’ grullerella (e’ toscano, perdonate la licenza), una che fa di tutto per rendere le giornate divertenti ed allegre. 
Una mamma con cui ridere insieme (in effetti, ce la spassiamo un sacco noi due!).
Una mamma presente, spero.


Chiedero’ a lei, quando sara’ piu’ grande, se vorra’ rispondermi.



Qui ci sei tu, pochi giorni prima di nascere!

I primi momenti insieme

P.S. Non volevo assolutamente scrivere qualcosa di commovente e sdolcinato, pensavo invece di andare sull’ironia …. ma mi e’ venuto cosi’! 
La penna ha scritto da sola! (cioe’, le dita sulla tastiera, veramente….)



Se ti è piaciuto condividi:
28 Comments
  • Avatar

    LAMAMMAèSEMPRELAMAMMA

    13 Aprile 2011 at 21:02 Rispondi

    Le dita sulla testiera sono andate da sole e hanno scritto questo post meraviglioso…Complimenti!!! Grazie per avermi chiesto l’amicizia anche su fb, mi hai fatto molto piacere
    Un bacione

  • Avatar

    Home and Things

    13 Aprile 2011 at 21:28 Rispondi

    dolcissima…

  • Avatar

    Sunshine

    13 Aprile 2011 at 22:24 Rispondi

    Complimenti, hai descritto benissimo la tua mammità! Mi hai trasmesso una sensazione di totale serenità che sicuramente rifletti anche su tua figlia e che ha un valore enorme.

  • Avatar

    mammasorriso

    13 Aprile 2011 at 22:40 Rispondi

    bellissimo post e foto meravigliose!

  • Avatar

    Mammadesign

    13 Aprile 2011 at 23:46 Rispondi

    @semprelamamma: grazie cara! come procedono i lavori?
    @home&things: l’ho detto che mi e’ venuto sdolcinato….!
    @Sunshine: e’ che la serenita’ la da’ lei a me, in realta’…..
    @mammasorriso: grazie mille! Ma tu hai partecipato?

  • Avatar

    R

    13 Aprile 2011 at 23:53 Rispondi

    posso farti una domanda? Dopo quanto tempo hai imparato a “ad essere paziente”? E dopo quanto hai imparato “quanto un gesto improvviso o un urlo uscito per caso dalla bocca di una mamma troppo stanca possa spaventare un bambino”? Quando hai imparato a controllarti?
    …perchè io non ci sono ancora… e spero di non essere un caso perso…

  • Avatar

    Mammadesign

    14 Aprile 2011 at 0:01 Rispondi

    @R.: Beh, c’e’ voluto un pochino veramente… dopo l’anno, quando iniziano a farti impazzire! Piu’ o meno dove sei te….o poco dopo. Dai, hai ancora speranza! Ti avverto, dopo peggiorano. ;D
    Se non lo impari prima o poi sono c….BIP!
    Baci

  • Avatar

    luby

    14 Aprile 2011 at 8:28 Rispondi

    grazie per aver condiviso con noi i tuoi pensieri,le tue immagini,grazie

  • Avatar

    MammaMoglieDonna

    14 Aprile 2011 at 8:30 Rispondi

    @MammaDesign: Grazie! Bellissimo post. Che bello quando dici “Una mamma che non si e’ sentita donna finche’ non ha avuto la Micro-figlia.” e ancora “Essere mamma mi ha formato come donna.” e la “poesia” che gli dedichi…
    “capisco che al mondo
    non avrei potuto essere
    altro
    che tua madre.”
    E bellissime le tue foto…
    GRAZIE PER AVER PARTECIPATO!

  • Avatar

    serenamanontroppo

    14 Aprile 2011 at 9:28 Rispondi

    E’ davvero un gran bel post, mi trovo in tante considerazioni che hai fatto. Anche a me diventare mamma mi ha fatto sentire veramente donna e come te sono davvero innamorata di mia figlia…
    p.s. da toscana posso dire che “grullerella” è un termine molto fiorentino…

  • Avatar

    pinkmommy

    14 Aprile 2011 at 11:42 Rispondi

    Bellissimo post…e bellissima mamma innamorata!

  • Avatar

    Mammadesign

    14 Aprile 2011 at 13:02 Rispondi

    @Luby: Grazie a voi che mi state vicine in questo percorso, invece! Non e’ mai facile raccontarsi…. Ho iniziato quasi piu’ per avere un diario di memorie per la mia bambina, ma l’idea che fosse pubblico mi terrorizzava… ero sicura che spesso mi sarebbero mancate le parole…..per questo ci ho aggiunto il lato professionale, perche’ almeno li’ avrei avuto qualcosa da dire! Invece le parole vengono, vengono eccome!
    @Mammamogliedonna: grazie a te per aver avuto questa splendida idea! La voglia delle mamme di raccontarsi e’ tanta, ma spesso non lo fanno, o lo fanno solo a meta’…. “Come sei tu come mamma” non e’ il solito “raccontami la storia del tuo parto, o ” di come si e’ formata la tua famiglia”, ecc ecc ecc. E’ molto di piu’! Hai trovato la formula giusta! I complimenti li faccio io a te! 😀
    @Serenamanontroppo: sono contenta di condividere con tante mamme la mia esperienza….credo che tante tante cose siano comuni a tutte!
    P.S. Vabbe’, “grullerella” e’ fiorentinissimo, perdona la svista…. ma tu di dove sei?
    @Pink: i tuoi commenti mi sembrano sempre cosi’ pieni di gioia! mi scaldi le giornate, sai, quando passi di qua! 😀

  • Avatar

    Giada

    14 Aprile 2011 at 13:22 Rispondi

    un post emozionante, dolce come sei tu! La tua tastiera ha seguito il cuore. UN bacio mammina stupenda!

  • Avatar

    Mammadesign

    14 Aprile 2011 at 14:06 Rispondi

    @Giada: Che bello rivederti! (scritta) Grazie milleeeeeeeee! :DDDDDD

  • Avatar

    serenamanontroppo

    14 Aprile 2011 at 14:40 Rispondi

    Nessun problema, giusto una precisazione campanilistica…e poi noi toscani siamo un po’ polemici per definizione…
    Io vivo nella parte Sud della Toscana, ma non troppo lontana da Firenze!

  • Avatar

    LAMAMMAèSEMPRELAMAMMA

    14 Aprile 2011 at 15:43 Rispondi

    Eccoci, lavori zona giorno finiti…guarda un po’ se ti piacciono e dimmi il tuo parere, ci tengo a saperlo…mi raccomando, massima sincerità, non mi offendo. Ecco il post dove li ho descritti:
    http://lamammasemprelamamma.blogspot.com/2011/04/paint-my-life.html

  • Avatar

    Finalmentemamma

    14 Aprile 2011 at 16:49 Rispondi

    ma che mraviglia…complimentoi un post bellissimo…e non è sdolcinato….è dolce q.b.

  • Avatar

    LAMAMMAèSEMPRELAMAMMA

    14 Aprile 2011 at 21:50 Rispondi

    Grazie per essere passata a vedere i lavori…sono contenta ti siano piaciuti, ci tenevo alla tua opinione da esperta…magari quando faremo la zona notte ti invio le foto delle stanze e i colori che darei così mi dai un consiglio perchè non so tanto decidermi!!!
    Un bacione

  • Avatar

    Mammadesign

    14 Aprile 2011 at 22:29 Rispondi

    @Finalmente: grazieeeeeeee!!!!!!!!! che bel commento che mi hai lasciato!
    @semprelamamma: volentieri. Anticipazione: per la zona notte consiglio tutti i colori tendenti al blu (verde, violetto, indaco, ecc…), sono quelli che calmano il sistema nervoso e regalano calma e tranquillita’. Escludi tutti i colori caldi e le tonalita’ forti (rosso, arancione, giallo, ecc…). Prima o poi ci arrivo a scrivere il post…. Vai cosi’!

  • Avatar

    6cuorieunacasetta

    16 Aprile 2011 at 15:38 Rispondi

    Che bello! E che emozione guardando le vostre foto!

  • Avatar

    rossella

    17 Aprile 2011 at 0:17 Rispondi

    commovente!

    un bacione

  • Avatar

    StelleGemelle

    17 Aprile 2011 at 15:16 Rispondi

    ciao
    mi è piaciuto molto il tuo post
    anche io sto cercando le parole per descrivermi come mamma…non so se riuscirò a trovare parole belle come le tue….ma quello che sento è quello che hai scritto…siamo fortunate a ad essere mamme
    ciao ciao

  • Avatar

    Mammadesign

    17 Aprile 2011 at 18:55 Rispondi

    Grazie 6cuori, Rossella e Stellegemelle! Si si, siamo proprio fortunate… sara’ che sono diventata mamma un po’ tardino, e me la sto godendo tutta! 😀

  • Avatar

    Chiaretta

    19 Aprile 2011 at 9:34 Rispondi

    Bellissimo post…. io non sono mamma, ma ci sto facendo un pensierino! ^_^

  • Avatar

    tri mamma

    21 Aprile 2011 at 23:21 Rispondi

    bellissimo post!
    un ringraziamento particolare per avermi “evidenziato” il fatto che anch’io, ho imparato tutte queste belle cose! il mio basso livello di autostima spesso tende a farmi vedere solo le cose negavite. un sincero grazie!

  • Avatar

    tri mamma

    21 Aprile 2011 at 23:23 Rispondi

    ps.: ti invidio le foto!

  • Avatar

    Mammadesign

    22 Aprile 2011 at 16:33 Rispondi

    @Chiaretta: ne vale la pena, credimi, anche se tante volte penserai: “Ma chi me lo ha fatto fare?”
    @ Tri: mi sa che il basso livello di autostima è un mal comune…. Evidenziare non fa mai male! 😀
    P.S. Le foto sono elaborate, sono solo ritagli di foto intere! Ma sono dei bei ricordi, e lo rimarranno….
    E grazie a entrambe!

  • Avatar

    SuSter

    27 Aprile 2011 at 1:33 Rispondi

    Condivido molti dei tuoi “ho imparato”. A volte ci illudiamo di avere molto di più da insegnare loro, e invece… guarda quante cose insegnano loro a noi!

Post a Comment

29 + = 35