Categorie

Tag Cloud

Ciuccio time: e venne il giorno…..

Immagine tratta liberamente dal web

E venne il giorno in cui la piccola Micro butto’ il ciuccio nella pattumiera. 
Soprattutto, venne il giorno in cui Mammadesign decise di non tornare piu’ indietro.
Questa la vera linea di demarcazione, sembra.
Perche’ il ciuccio, nella pattumiera, era gia’ stato buttato piu’ di una volta negli ultimi mesi dalla Micro-avventuriera desiderosa di crescere; e sempre, puntualmente recuperato da Mammadesign “nel caso in cui”…..
Il “caso in cui” era infatti diventato, tutte le volte, una tempesta, perche’ la sera la big girl tornava ad averne un bisogno disperato. E poiche’ Mammadesign la vedeva agitata che piu’ agitata non si puo’, immancabilmente, cedeva, con buona pace dei suoi nervi e della sua stanchezza perennemente arretrata.
Devo sottolineare che Mammadesign e’ una di quelle mamme un po’ all’antica che pensano che il sonno dei bambini sia sacro, e che le ore di riposo necessarie ad un cucciolo non debbano mai mancare, pena una crescita “insana” ed un umore piu’ instabile e ballerino.
Visto, pero’, che di questo passo non si andava molto lontano, nonostante siano stati in molti a dirle “vedrai, verra’ il momento in cui sara’ lei a lasciarlo….”, ha deciso di cogliere la nuova occasione post-natalizia con piglio fermo e senza ripensamenti (ipotetici!). Tre anni e mezzo le sembrano un’eta’ in cui si puo’ tentare il passo.


Il ciuccio era malandato e sciupato, era qualche tempo che cercava di convincere la piccola che quell’oggetto non era piu’ “in forma”.
“Mamma, e’ sporco, vedi, ora lo butto.”: e’ partita cosi’, ieri, la giornata.
Ma i ciucci, in realta’, sono sempre stati due: uno “da bocca”, uno “da mano” (che lusso, eh?). E l’altro, che fine ha fatto? In quale anfratto si sara’ nascosto?
Mammadesign e Micro pensano che se lo sia preso l’omino del sonno, che ha deciso che la bambina era ‘troppo big girl” (testuali parole di Micro!) per continuare a dormire col ciuccio…… 
Scomparso letteralmente dalla faccia della terra senza che nessuno lo abbia toccato ne’ visto. Mammadesign pensava di darlo alla piccina ieri sera, in extremis, ma una mano fatata l’ha aiutata misteriosamente…..
E cosi’ fu che l’amato ciuccio non ricomparve.
Micro ha battuto i denti tutta la sera, ha serrato la mascella, ha schioccato la lingua, ha masticato la tettarella del biberon, ha urlato “ciuccioooooo! Nooooooo, con la mamma ciucciooooo!”, si e’ girata e rigirata nel letto, ha chiacchierato tutta la sera, ha voluto ascoltare tutte le ninne nanne che conosce almeno 5 volte ciascuna…..
Mammadesign, dal canto suo, ha sofferto come una dannata, si e’ sentita una cattivissima mamma, una strega che distrugge tutte le principesse del mondo, un essere ignobile; ha pensato di comprare tutti i ciucci sul mercato per la sua bambina il giorno dopo; ha perfino pensato di darle di nuovo il seno dopo tre anni di “astensione”. Ma ha resistito. Tremante, ma ha resistito. Ha sussurrato parole dolci all’orecchio disperato della bambina, ha cercato di convincerla che e’ una big girl e che le big girls sanno dormire anche senza ciuccio; l’ha abbracciata, le ha fatto da ciuccio naturale con un caldo e materno abbraccio.
Cosi’, si e’ addormentata.
Una sveglia nella notte, per la pipi’. Un altro urlo quando il ciuccio non c’era. E di nuovo il sonno profondo.
Una seconda sveglia nella notte, alla ricerca dell’oggetto mancante.
“Mamma, voio venire nel lettone con mamma e papa’.”
Accontentata. 
Lei, tranquilla, Mammadesign in bianco (Macro appena appena disturbato da tutto quel trambusto).
Ritorno nel provvisorio divano-letto di camera sua (nell’attesa di un lettino vero) con Mammadesign, che dopo un po’ sguiscia via per farsi l’ultima oretta di sonno in santa pace.
Stamattina, ovviamente, nessuna voglia di svegliarsi.
Mammadesign, dopo mille baci, ha dovuto ricorrere ad un trucco psicologico, sia per farla sentire big girl e farle dimenticare il conforto mattutino del ciuccio, che per alzarla dal letto senza trauma:
“Oh, come pesa questa bimba grande!”, sollevandola per portarla in bagno.
Risate.
“Oh, come sta diventando grande! Fra poco la mamma non ce la fa piu’ a portarla!”.
Risate di cuore.

Cosi’, e’ iniziata la prima giornata di asilo.
(Mammadesign non voleva che fosse il primo giorno di rientro, ma cosi’ e’ stato, il secondo ciuccio e’ DAVVERO scomparso; ed il primo era troppo ridotto male per essere rimesso in funzione…..).

Stasera, nemmeno la richiesta del ciuccio. 
Un po’ di agitazione prima di dormire, un prolungato abbraccio, un po’ troppe chiacchiere, qualche schiocco di lingua, la pancia di Mammadesign che fa da cuscino naturale alla piccina:
“Mamma, voio dommire sulla pancia….”. Chissa’ perche’, si e’ sempre calmata cosi’. Forse perche’ sente il mio respiro, il sollevarsi ritmico del petto, non so…..
Solo una frase, senza alcun riferimento esplicito:
“Mamma, io sono big girl, vero?”
Certo, amore, sei una big girl….”

E si e’ addormentata.

Ops, mentre scrivo si e’ materializzata in soggiorno una piccola assonnata….. Che ha verificato che ci fossi ed e’ stata riaccompagnata a letto senza dire una parola. Sono diventata una mamma-ciuccio
Non e’ che la mancanza del ciuccio porta alla comparsa del sonnambulismo, vero?

Se ti è piaciuto condividi:
14 Comments
  • Avatar

    serenamanontroppo

    10 Gennaio 2012at9:33 Rispondi

    Un ciccio in bocca e due in mano, se ti sembrava che Micro esagerasse, beh come vedi al peggio non c’è mai fine….brava Micro, la nostra big girl e brava tu, che sofferenza! Prima o poi dovrò farmi coraggio anch’io, visto che, nonostante i buoni propositi, il ciuccio non è stato regalato alla befana!

    • Avatar

      Mammadesign

      12 Gennaio 2012at17:45 Rispondi

      Serena, anche noi avevamo il terzo nell’altra mano, ma e’ stato eliminato qualche tempo fa perche’ malridotto….. Ho preso la palla al balzo, ma non ho realmente capito se era proprio pronta pronta….. Dalle 5.00am in poi e’ una sofferenza, lo cerca di continuo, piangiucchia nel sonno, si lamenta e vuole venire nel lettone tutte le mattine…..

  • Avatar

    Cento per cento Mamma

    10 Gennaio 2012at9:46 Rispondi

    Mi commuove la tua determinazione. Altroché strega cattiva, sei una super-mamma!Come ti ho scritto su Facebook, RESISTI! e aggiornami, magari riuscirò a prendere un po’ di coraggio da te!

    • Avatar

      Mammadesign

      12 Gennaio 2012at17:45 Rispondi

      sto malissimo. Tutte le mattine alle 5.00, quando me la trovo nel lettone disperata penso di ridarglielo…..E lei si sveglia sempre arrabbiata con me….
      Potevo aspettare ancora, ma sono convinta che sarebbe stata la stessa cosa, ne avrebbe sentito la mancanza ugualmente anche dopo averlo rifiutato….. Non so se ho fatto bene o male, ma non potevo aspettare i 6 anni, no?

  • Avatar

    Mammadesign

    10 Gennaio 2012at10:20 Rispondi

    Questo commento è stato eliminato dall’autore.

  • Avatar

    pinkmommy

    10 Gennaio 2012at11:50 Rispondi

    Ma che cattiva, scherzi??? Lo so che è dura, ma state facendo benissimo tutte e due, è solo questione di pochi giorni…se ti può consolare, gnomo a volt aveva due ciucci in bocca! E sono riuscita a toglierlo in tre giorni! Non mollate, un bacione a tutte e due!

    • Avatar

      Mammadesign

      12 Gennaio 2012at17:43 Rispondi

      brava! e bravo lui! MA dopo tre giorni non l’ha piu’ chiesto? E dormiva bene la notte? A che eta’ lo hai tolto? urgono consigli disperatamente!

  • Avatar

    Giada

    10 Gennaio 2012at14:49 Rispondi

    Mia cara mammadeign resisti….ma ti diro’..la mia mandorlin non è mai stata una gran “ciucciona” in mancanza di questo io sono diventata la sua nanna =(((

    • Avatar

      Mammadesign

      12 Gennaio 2012at17:43 Rispondi

      Appunto, e’ proprio quello che mi spaventa, non voglio creare una figlia mamma-dipendente!

  • Avatar

    Mammadesign

    12 Gennaio 2012at17:44 Rispondi

    Scusate il giochino, ma dovevo provare la nuova interfaccia dei commenti di blogger!

  • Avatar

    pinkmommy

    15 Gennaio 2012at11:44 Rispondi

    come sta andando senza ciuccio? mi chiedevi come abbiamo fatto noi, semplicemente, quando aveva 20 mesi ho visto che era diventato ciuccio-dipendente, lo usava anche mentre mangiava!!! ho approfittato che eravamo in vacanza a casa dei miei, eravamo tante persone pronte a distrarlo, e li ho fatti sparire di botto! le prime sere sono state una tragedia, ore per addormentarsi e anche di giorno lo chiedeva sempre…poi si è come rassegnato di botto! ogni tanto guardava i piccoli col ciuccio con aria nostalgica, ma non l’ha più chiesto…sono sicura che anche Micro sta andando benissimo, e tu con lei! un bacione!

    • Avatar

      Mammadesign

      15 Gennaio 2012at16:54 Rispondi

      Ci siamo rassegante entrambe….. ora non lo chiede piu’! Solo che fa dei versi stranicon i denti la notte, li batte e li struscia come se avesse il ciuccio….. 🙁 Comunque va meglio, anche se purtroppo il tutto sta coincidendo con una malattia virale….

  • Avatar

    ho tentato anch’io in questi giorni di levarglielo definitivamente, cioè la befana lo aveva portato via, ma poi quando ho visto mia figlia che non riusciva ad addormentarsi in preda al pianto ho mollato e gliel’ho riallungato!grave errore e non so come uscirne adesso!ma è presto a 20 mesi toglierglielo?le amiche dicono che è tardi, e pensare che fino a 15 mesi non lo ha mai voluto cioè finchè l’ho allattata!E mò so cacchi!Ti sostengo sulla linea dura e se avrò il coraggio tenterò anch’io di metterla in pratica!nel frattempo vieni a darmi un’opinione sulla camera che avrei in mente di comprare?

    • Avatar

      Mammadesign

      19 Gennaio 2012at0:28 Rispondi

      La Befana e’ sempre un po’ dispettosa…. Comunque, se ti puo’ consolare, io glielo ho reso per un paio di mesi, dopo che lei lo buttava via…. per la tua stessa ragione! A questo giro non potevo proprio ritirarmi… aveva voglia di crescere, IO la dovevo aiutare!
      No, 20 mesi in teoria non e’ troppo presto, se non e mai stata una ciucciatrice folle. Pero’ sta a te decidere cosa e’ peggio. A me avevano suggerito di lasciarglielo, poi sarebbe stata lei a mollarlo. Ma siccome finora non e’ successo, mi sono dovuta forzare….. Penso che sia meglio ora che dopo, pero’, ma dipende da tua figlia. Fai quello che senti: la prima ad essere pronta devi essere tu! Altrimenti non e’ cosa, se vedi che soffre troppo. Un abbraccio di solidarieta’!
      Verro’ a trovarti, appena riesco a respirare! Mandami il link del tuo post, per favore. Baci

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.