Categorie

Tag Cloud

La storia di Micro – Gravidanza, primo trimestre

Immagine: periodofertile.it

Riprendo in mano, con il mio solito ritardo cronico, la storia di Micro e dei miei primi approcci alla “mammitudine”.

Cosi’, giusto perche’ si avvicinano le vacanze estive e mi sembra il periodo adatto per parlare di argomenti piu’ “leggeri”….

Il prologo dell’ultimo post sulla gravidanza era questo:

Il primo trimestre (in tre parole)
1. Tempesta ormonale e sentimenti contrastanti
2. Nausea? Si grazie! Ed anche di piu’ (della serie: “pensavo di essere sportiva ma non lo ero….”)
3. Il rapporto col macro-economista

Iniziamo:

Tempesta ormonale (e sentimenti contrastanti)
Chi ha avuto una gravidanza, cercata o meno, lo sa: all’euforia iniziale subentrano le paure, i dubbi, le ansie, i pensieri sotterranei e gli istinti piu’ animali. Non per incoerenza o ingenuita’, sappiatelo. E’ l’ormone selvaggio che ti scombussola testa, corpo ed emozioni.
Gia’ normalmente ho l’umore ballerino, figuriamoci nel primo trimestre!
“Ma questo bambino sara’ fortunato?”
“Io so che lo amero’ tremendamente, ma il macro-economista? Sara’ pronto? Secondo me mica si rende conto di quello che ha fatto il suo spermatozoo selvaggio!”
“Ma saro’ una buona madre? Saro’ portata? Saro’ capace? Saro’….?”
“E poi non ce la faremo mai… come coppia, intendo: siamo troppo litighini, due impulsivi, due immaturi, non credo che saremo capaci di tirare su un bambino in maniera «sana»….”
“Io comunque sento le farfalle nella pancia. E il solletico. E mi sembra di camminare sulle uova. E ho la testa nel fumo. E ho perfino paura ad attraversare la strada! Se una macchina mi piglia, mica prende solo me adesso!”
“Si puo’ tornare indietrooooo???? Aiutooooo!!!!!”

Alzi la mano chi non ha avuto questi pensieri; a venti, trenta o quarant’anni.


Di solito sono i pensieri della prima gravidanza, quelli della seconda e successive non mi e’ dato conoscerli, per ora o per sempre, forse. E comunque mi sa che si assomigliano molto. Al piu’ si aggiungeranno quelli del tipo:

“Ma saro’ in grado di occuparmi di due contemporaneamente?”
“Come faro’ con il primo, che e’ abituato ad avermi tutta per se’? Soffrira’ molto? Gli togliero’ qualcosa?”
“Cosa cambiera’ nei nostri equilibri di coppia? Troveremo i nostri spazi? Mio marito impazzira’, o ce la fara’?”
Eccetera, eccetera, eccetera.
E’ l’ormone, non vi preoccupate.
Sarete capaci di passare dal pianto al riso, e poi di nuovo al pianto con una velocita’ da Flash Gordon. Oppure dalle urla selvagge alla dolcezza improvvisa e zuccherosa, perche’, istantaneamente, vi siete ricordate che portate in grembo il frutto del vostro amore.
E vostro marito impazzira’. Non sara’ in grado di capire cosa vi succede dentro. Dentro la pancia, dentro la testa, dentro il cuore. 


Nausea? Si, grazie. E anche di piu’! (della serie “pensavo di essere sportiva ma non lo ero”)
Trovatemi una che ha sofferto di nausea prima di scoprire di essere incinta e prima del compimento del primo mese. Prima del test, prima del dubbio, prima di tutto: e

ccomi.
Ero a Torino, in visita da mia sorella e con l’allora non ancora nonna Giogio.
Una sera, al ristorante, il vino mi dava un non so che, si direbbe quasi noia. Non mi andava giu’, mi creava acidita’. E non avevo per niente fame. 
Io? ma quando mai, di fronte ad un piatto di delizie? 
Li’, il dubbio, improvviso, flashante, sconvolgente.
Non vedevo l’ora di fare il famoso test, ma non avevo voglia di farlo li’, alla presenza di sorella e mamma, che avrebbero partecipato alle mie emozioni con un’empatia spaventosa. No, meglio farlo a Firenze domani, da sola, in silenzio. Cosi’, se risulta negativo, almeno nessuno ci rimane troppo male, oltre a me.
Perche’ quel bimbo ancora sconosciuto lo cercavamo, in realta’. Da pochissimo, e non eravamo neppure tanto convinti, considerato che ci eravamo appena ricongiunti in quel di Londra.
Beh, il test e’ stato fatto, il giorno dopo, a Firenze, e manca poco svengo a vederne il risultato. Ho dovuto ripetere il test il pomeriggio, a casa di un’amica storica incinta del secondo figlio, per credere appieno a quella lineetta in evidenza.
“Guarda che questi test ormai non sbagliano mai…”
“Sei sicura? Ci sara’ pure un’eccezione! Vediamo di nuovo, dai…”
Come volevasi dimostrare: i test attuali sono precisissimi.
Non solo: alla prima visita ginecologica, immediatamente dopo la sconvolgente scoperta (4-5 settimana), mi sento dire dal fidato specialista: “E’ pure ben piantato, questo embrione!”
Insomma, le mie nausee sono iniziate da subito (forse per il contraccolpo, non so…!). Al mio ritorno a Londra ho perfino fatto quasi fermare un’intero bus di viaggiatori inconsapevoli sulla Firenze-Pisa Aereoporto, per vomitata incombente. Immaginate la scena? Gia’ imbarazzata per il fatto di trovarmi improvvisamente “in stato interessante” mi dirigo barcollante dall’autista chiedendogli gentilmente di fermarsi nel caso lo avessi avvertito con occhio supplicante. 
“Si metta qui, accanto a me, e mi avverta nel caso….”
Per fortuna ando’ bene, quella volta.
Non altrettanto da allora in poi. Alla settima settimana telefonai al GP disperata chiedendogli qualcosa che mi aiutasse.
“It’s normal at this stage, you are pregnant!”
Arieccola, quella parola. Pregnant. Io mi sento solo malata pero’, com’e’ ‘sta storia?
Per farla breve credo di aver passato i primi due/tre mesi stesa sul divano. Al piu’ riuscivo ad andare verso il bagno a “svuotarmi”. Come mi alzavo ritta, arrivava la scarica, puntuale come un orologio svizzero. 
Ed ebbi pure il coraggio di tornare in Italia, per cercare di finire i lavori in sospeso, e per fare i controlli di rito, perche’ comunque ero ancora con un piede li’. Prendendo treno, aereo, bus e quant’altro. Che sofferenza…..
Dimagrii quattro chili, invece di prendere peso. 
E pensare che avevo pure iniziato a correre con un’amica in quello splendido parco londinese vicino casa, proprio il primo mese! Altro che sportiva! Ero diventata un’ameba squagliata su un divano.
Ma ora smetto di raccontare le mie avventure con le nausee perche’ rischio di diventare pesante. Che’ l’acidita’ ed il resto son ricominciati al settimo mese eh, mica mi hanno dato tregua!
Ma passiamo oltre.


Il rapporto col macro-economista

Il macro-economista, dopo l’euforia iniziale, e’ andato nel pallone:

“Dobbiamo andarcene da Londra. Devo trovare una cattedra, un posto dove mi pagano di piu’, dobbiamo essere responsabili, qui non s’ha da fare, Londra e’ troppo cara, e’ pericolosa, e’ sporca, e’ schifida per un bambino.”

Te possino….

Siamo appena arrivati, siamo rimasti incinti (io piu’ di te, comunque), non cerco certo un lavoro da donna incinta vomitans, e’ una bellissima notizia, sono emozionata e al settimo cielo, Londra mi piace (a parte la sanita’), parlucchio la lingua che, almeno, e’ leggermente piu’ comprensibile del tedesco, e tu mi vuoi gia’ portar via? ADESSO?

Ecco, in breve, questi erano i miei pensieri:

“Lo odio. Ma chi me lo ha fatto fare di sceglierlo come padre dei miei figli? E’ impazzito! Ma chi ho sposato????? Salvatemi, io torno dalla mammaaaaaa!!!!”

Oppure:

“Non farti il salmone, per carita’, stasera, non reggo l’odore.” N.B. Casa vecchia aveva l’angolo cottura in soggiorno. Ma poi anche io ero normale, eh…? Eccolo all’arrembaggio, l’ormone assassino…!
“Cosa? Ma io voglio il sal-mo-ne!” – risposta da orgoglio ferito – “No, io me lo faccio lo stesso, tu vai di la’, in camera. Tanto sdraiata per sdraiata…”
“No, in camera non ci vado, voglio stare con te! E poi l’odore arriva fino in camera, anche se chiudi le porte, passa sotto, sono porta bastarde queste!”
“Non mi interessa. Non puoi fare la despota cosi’!”
E salmone fu.
Perche’ quando il macro-economista si mette in testa una cosa, la deve fare, ormai ci convivo.
E donna vomitans non resistette, nemmeno relegata in camera, in un angolino   del letto.


Non fu un periodo pacifico, quello.




Se ti è piaciuto condividi:
10 Comments
  • Avatar

    Starsdancer

    19 Luglio 2012 at 13:46 Rispondi

    A me chissà perché gli ormoni in gravidanza non mi fecero venire in mente nessuna paranoia, sembravo solo fatta! La botta è arrivata tutta insieme quando è nato e se n’è andata via che lui aveva un anno! Misteri!
    Il pesce lo odiavo anch’io in gravidanza 🙁 e nausee non ne ho mai avute ne per l’uno ne per l’altra, non so bene per quale strana fortuna!

    • Avatar

      Mammadesign

      19 Luglio 2012 at 15:40 Rispondi

      E il caffe’. L’odore del caffe’ ti ammazza lo stomaco!
      Forse ci deve essere una certa predisposizione, alle paranoie… ;D
      Penso che molto abbia fatto il fatto di essere lontana da casa, sai? Non e’ una cosa da poco, no. Almeno per me non lo e’ stata….

    • Avatar

      Starsdancer

      19 Luglio 2012 at 15:44 Rispondi

      concordo con te, infatti non è una cosa da poco, nemmeno per me lo è stata, anche io ero lontana da casa e mi sentivo tantissimo sola, e quando potevo scappavo via da mia madre e mie sorelle 🙂
      inoltre avevo vicino una cognata a cui non fregava niente di me e di mio figlio (mentre mie sorelle piangevano quando andavo via) e quello mi faceva incax e far star male ancora di più! meno male che tutto passa!! e ciò che non ci uccide ci rende più forti!

  • Avatar

    anto i viaggi di maya

    19 Luglio 2012 at 15:04 Rispondi

    sembra che tu abbia descritto la mia esperienza!! 🙂 anche io vomiti a morire i primi tre mesi, e reflussi gli ultimi due. anche io e max stesse dinamiche di coppia…
    anche tu al travaglio ci hai lasciato l’anima in vomito? no perchè, a me hanno detto tutto nella norma se vomiti i primi tre mesi… mi avevano anche messo la flebo 🙂

    • Avatar

      Starsdancer

      19 Luglio 2012 at 15:20 Rispondi

      ecco Anto, mi hai fatto ricordare sta roba io ho vomitato in travaglio e a parto avvenuto, l’avevo rimosso 🙂 tutto quello che mi era mancato in gravidanza 😉

    • Avatar

      Mammadesign

      19 Luglio 2012 at 15:43 Rispondi

      @Anto: Non ho fatto in tempo ad arrivare al travaglio, mi hanno fatto un cesareo programmato per “sproporzione feto-pelvica”. E figurati, avevo un gigante li’ dentro!
      A parto avvenuto pero’, dopo qualche ora ho cominciato a tremare come una foglia, che spavento! L’ostetrica mi disse che di solito lo fa a chi partorisce naturalmente: si vede che ho “somatizzato”!

    • Avatar

      Mammadesign

      19 Luglio 2012 at 15:44 Rispondi

      @Stardancer: Visto che ci doveva essere qualcosa? Troppo bello sarebbe stato! ;D

    • Avatar

      Starsdancer

      19 Luglio 2012 at 15:49 Rispondi

      ahahah son di memoria corta, già 4 anni dopo ricordo solo le cose belle, andiamo male…faccio già come le nonne!

  • Avatar

    simona

    19 Luglio 2012 at 21:38 Rispondi

    Che ridere… i ricordi della gravidanza anche io come te nausee pazzesche e come stardancer tutto il travaglio a vomitare… se ci penso!
    Su blog un pensiero per te!

    • Avatar

      Mammadesign

      19 Luglio 2012 at 23:32 Rispondi

      Veramente io piangevo come una fontana, piu’ che ridere, i primi tre mesi! (ma anche dopo….;D) Grazie cara, passo a trovarti!

Post a Comment

− 1 = 5