Categorie

Tag Cloud

Progettare ambienti per i bambini

Riflettevo in questi giorni d’inizio scuola (qui in Svizzera è cominciata già da un mese), osservando mia figlia e le sue/nostre abitudini, su come sia cresciuta e sulla necessità di rinnovarle in cameretta l’angolo studio, in modo da crearle un’area da “bimba grande” che la invogliasse e stimolasse a fare i compiti con maggior passione, curiosità, gioia ed entusiasmo, a fruirlo in maniera più agevole, a rimanere concentrata più volentieri sullo svolgimento dei compiti. Da tutto questo, naturalmente, ne è uscito un articolo sull’angolo-studio che verrà pubblicato su un altro portale e che citerò nei prossimi giorni.

Questa riflessione, tuttavia, mi ha riportato indietro nel tempo, a quando mi preoccupavo/occupavo di realizzarle una cameretta ben organizzata, funzionale, allegra, confortevole, “sua” in tutti i sensi e a misura di bambino.

 

Fonte immagine: The Glitter guide.

Fonte immagine: The Glitter guide.

 

La bambina ora sta crescendo, e le sue esigenze naturalmente sono cambiate con l’età, mentre la sua mamma-architetto, oltre a “toccare con mano” le necessità della piccola, continua a riflettere e ad elaborare teorie progettuali sull’influenza che l’ambiente ha sulle capacità e lo sviluppo dei bambini.

Nel rinnovare questo blog ho messo in chiaro come ad ogni funzione e ad ogni età debba corrispondere un ambiente adeguato che possa aiutare il bambino nello svolgimento dei propri compiti: l’apprendimento, il gioco, la motricità, lo sviluppo cognitivo, emotivo, sociale, relazionale.

Ho sottolineato in questa pagina come l’approccio montessoriano sia alla base di tutte le mie riflessioni sulla progettazione degli ambienti per i bambini.

Scriveva Maria Montessori:

L’ambiente deve essere ricco di motivi d’interesse che si prestano ad attività e invitano il bambino a condurre le proprie esperienze.

I suoi principi cardine, riguardo agli spazi del bambino sono:

– la fruibilità dello spazio, ovvero la sua capacità di muoversi liberamente nello spazio senza impedimenti o difficoltà; il che presuppone ambienti e arredi proporzionati all’eta’ la corpo, alla sua natura e – aggiungerei – all’attività che vi svolge.

 

Leimond-Shonaka Nursery School, Owariasahi, Aichi (Giappone), di Archivision Hirotani Studio. Fonte: http://www.archdaily.com/300134/leimond-shonaka-nursery-school-archivision-hirotani-studio

Leimond-Shonaka Nursery School, Owariasahi, Aichi (Giappone), di Archivision Hirotani Studio.
Fonte: http://www.archdaily.com/300134/leimond-shonaka-nursery-school-archivision-hirotani-studio

 

l’organizzazione dello spazio per aree funzionali, che consente al bambino di dedicarsi ad un’attività specifica correlata allo sviluppo di certe sue capacità e ad alcuni suoi bisogni fondamentali (zona della pappa, della nanna, del riposo, del movimento, dell’igiene personale, area gioco, spazio verde, ecc.) e che risponde al suo intimo bisogno di routine e coerenza

 

Area lettura in cameretta. Fonte: City Mom.

Area lettura in cameretta. Fonte: City Mom.

 

l’organizzazione ordinata e coerente delle singole aree funzionali, poiché è attraverso l’ordine e l’identificazione spaziale [di funzioni ed oggetti] che il bambino riesce a muoversi liberamente e a sviluppare il proprio potenziale

 

Organizzazione dell'ambiente montessoriano. Fonte immagine: http://www.handmadecharlotte.com/craft-spaces-for-kids/

Organizzazione dell’ambiente montessoriano.
Fonte immagine: http://www.handmadecharlotte.com/craft-spaces-for-kids/

 

Accanto a questi principi fondamentali che prendo come base fondante per ogni tipo di progettazione spaziale a misura di bimbo, ne aggiungerei un altro altrettanto importante:

Educare è l’arte di suscitare gioia ed entusiasmo per il lavoro.

(Maria Montessori)

 

Un angolo dedicato alla figlia all'interno della casa della designer Lorena Siminovich. Fonte: http://www.sfgate.com/homeandgarden/article/Designer-Lorena-Siminovich-crafts-a-playful-home-5482038.php

Un angolo dedicato alla figlia all’interno della casa della designer Lorena Siminovich.
Fonte: http://www.sfgate.com/homeandgarden/article/Designer-Lorena-Siminovich-crafts-a-playful-home-5482038.php

 

In altre parole, l’attività (mi riferisco qui a qualunque tipo di attività il bambino stia svolgendo in un determinato momento della sua giornata) deve essere una gioia e una scoperta.

Condivido questo assunto con una tale forza e convinzione che lo ritengo, accanto alle valutazioni dimensionali, tra le intuizioni montessoriane più importanti.

Quindi bando ad ambienti tristi, anonimi, decostentualizzanti e decostentualizzati, sia negli spazi privati (case e appartamenti, bar, ristoranti, negozi, ecc.) che in quelli pubblici (nursery, scuole, ospedali, musei, ecc.).

 

Negozio di libri per bambini Kid's Republic, Pechino. Progettazione: SAKO Architects.

Negozio di libri per bambini Kid’s Republic, Pechino. Progettazione: SAKO Architects.

 

L’ambiente deve essere giocoso e allegro, poiché è attraverso il gioco che il bambino apprende e sviluppa il proprio potenziale e la propria unicità.

Su quali siano gli elementi progettuali da prendere in considerazione nella creazione degli spazi per bambini, a seconda della loro funzione, del contesto, e sulla base di queste considerazioni fondanti, mi pronuncerò nei prossimi articoli.

 

Se ti è piaciuto condividi:
No Comments

Post a Comment

3 + 3 =